Questo tipo di avvelenamento non è molto frequente nel cane e nel gatto, ma se ciò dovesse accadere è pericoloso.

I nostri beniamini possono intossicarsi attraverso l’ingestione accidentale di: sigarette, mozziconi e filtri di sigaretta, gomme e cerotti alla nicotina, di tabacco da fiuto o da masticare, pastiglie a base di nicotina utilizzate da fumatori in corso di terapia disintossicante; anche alcuni insetticidi la contengono.

 

Il fumo e la nicotina fanno male anche a cane e gatto

La gravità dell'avvelenamento dipende dalla quantità di nicotina assunta.
Nei nostri amici a quattro zampe la dose minima letale è nell’ordine di 20 - 100 mg, in relazione alla taglia dell’animale. In una sigaretta (dipende però molto dalla marca) ci sono mediamente 0.65g o 1g di tabacco, che contengono tra 7,5 e 13,4 (anche fino a 20) milligrammi di nicotina.

L’insorgenza dei sintomi è veloce; di solito entro 15-45 minuti dall’ingestione. L’animale diventa agitato e il suo respiro veloce e superficiale. Può manifestare: vomito, diarrea, tosse, aumento della salivazione, fino ad arrivare a convulsioni e coma.  

La morte può sopraggiungere per arresto respiratorio.
Se hai anche un minimo sospetto di ingestione da parte del tuo amico a quattro zampe di sostanze contenenti nicotina è buona cosa portarlo immediatamente dal tuo veterinario di fiducia.

Per quanto riguarda la prevenzione, essa si basa sostanzialmente sul buon senso, utilizzando sempre i posacenere (in casa e fuori), che dovranno  essere posizionati in zone non accessibili agli animali e svuotati con regolarità e una vigile custodia di: sigarette, tabacchi, farmaci e insetticidi.
 

 

Ritratto di Diego Manca Veterinario

Posted by Diego Manca Veterinario

Mi chiamo Diego Manca e sono un medico veterinario; vivo e svolgo la mia professione, da quasi 30 anni, ad Omegna (VB), piccolo paese del Cusio in Piemonte. Sono direttore sanitario e socio fondatore dell’ambulatorio veterinario lago d’Orta nel quale lavoro. Oltre alla grande passione per questa professione un’altra mi è molto cara e cioè quella di scrittore. I miei libri hanno ottenuto sempre significativi apprezzamenti di critica e i protagonisti delle storie che racconto sono i nostri amici pelosi, le vere star di tanti episodi realmente accaduti durante lo svolgimento della mia professione. Ecco qui di seguito una breve sintesi dei libri che ho pubblicato: Le fiabe per...giocare con il corpo imitando gli animali" edito da Franco Angeli nel 2008 di cui è coautore, "Il camaleonte Argonte" edito da Armando editore nel 2010, "Favolario: le favole del veterinario" Ed. Buk,  "Storie con la coda" edito da Castelvecchi, 2014, collana Ultra, La salute del cane in 4 e 4'otto e La salute del cane in 4 e 4'otto, editi da Gremese Editore, 2014, "Altro che animali!" edito da Castelvecchi Editore, 2015 e Benedetti Animali!  edito da Castelvecchi Editore, 2016, Storie da leccarsi i baffi - Gatti raccontati dal veterinario, edito da Ultra, 2017, Manuale (semiserio) sull'educazione del cane, edito da Rizzoli, 2017, Trilli. Riflessioni di una gatta in degenza, 2020, edito da Ultra edizioni.

La Newsletter di Mammeonline
mammeonlineLa community di Mammeonline

Cuciniamo: blog di ricette e racconti in cucina