Ma che ti salta in testa?

Ebbene sì, stavolta parlo per esperienza diretta e recente. Alla terza infestazione di pidocchi a scuola, anche la mia piccina è tornata a casa con in testa piccolissime uova di simpatici pidocchi!

Non aveva prurito, ho scoperto che aveva preso i pidocchi proprio perchè la controllavo ogni giorno o quasi e allora... subito all’opera per pulirla da questi parassiti noiosi. 

Per chi non lo sapesse ogni femmina di pidocchio deposita da 3 a 5 uova al giorno. Le uova se ne stanno attaccate saldamente al capello, infatti ho provato il pettinino, ma non ha funzionato come speravo e allora mi sono ricordata che siamo dotati di mani con dita e con unghie … et voilà il gioco è fatto … mi son munita di infinita pazienza e ho letteralmente spulciato la mia piccina prima di farle un trattamento con shampoo a base di olio minerale (senza pesticidi!!!).

L’ultimo risciacquo dopo aver rimosso ogni traccia di shampoo, è stato fatto con aceto, perché aiuta a sciogliere la sostanza con la quale l’ovetto del pidocchio se ne sta tutto bello attaccato al fusto dei capelli.

Dopo lo shampo ho applicato localmente per qualche giorno l’olio essenziale di tea tree o albero di melaleuca. Questo olio essenziale può essere usato puro o diluito in shampoo come preventivo. Le zone sulle quali insistere e controllare particolarmente sono dietro alle orecchie e dietro alla nuca, perché li i nostri amici pidocchi ci stanno proprio volentieri anche se si trovano su tutta la testa.

Mi sono poi documentata in rete ed ho scoperto che i pidocchi prediligono i capelli puliti e le bambine (perché stanno a più stretto contatto fisico tra loro) e rarissimamente colpiscono persone di colore per la forma del fusto dei loro capelli.  E poi, la notizia che volevo leggere: il pidocchio non salta da una testa all’altra, ma per passare da bimbo a bimbo serve sempre un contatto diretto, anche con un oggetto infestato (contagio più raro quest’ultimo).

In rete c'è perfino un simpatico giochetto per imparare a conoscere le abitudini dei pidocchi e quindi come combatterli.

Appena avete notizie di pediculosi in giro per scuole/asili, ungete le testoline dei vostri cuccioli (ma anche le vostre) con l'olio di tea tree come descritto sopra e se proprio i pidocchi non vi danno scampo ricordate che il metodo migliore è quello di sfilare una ad una le uova che staccate dal capello sono innocue perchè per vivere hanno bisogno di una "vittima" a cui attaccarsi!

Il lato positivo di questa vicenda? Abbiamo praticato un pò di sana pazienza per lo spulciamento... e la pazienza non guasta mai ai nostri giorni!

Alla prossima, naturalmente!

Ritratto di supermarty

Posted by supermarty

La Newsletter di Mammeonline
mammeonlineLa community di Mammeonline

Cuciniamo: blog di ricette e racconti in cucina