Gelosia tra fratelli: come affrontarla? 10 preziosi consigli per vivere serenamente una nuova nascita

Rivalità tra fratelli: Ecco dei piccoli trucchi per la sopravvivenza dei genitori e la serenità dei figli!

Quando arriva in famiglia un fratellino, o una sorellina, è innegabile che si alterano notevolmente gli equilibri preesistenti e tutti ne risentono; ma ancor di più ne resta scosso il primogenito.

Infatti, pur avendo la possibilità, durante i nove mesi di gravidanza, di adattarsi gradualmente all’idea dell’arrivo di un neonato in famiglia, egli vive sempre in modo traumatico questo evento; che la esprima palesemente, o la tenga nascosta, la gelosia è il primo e più forte sentimento, che prova.

Questo perché il bambino, nel suo inconscio, teme di venire abbandonato dai genitori ed essere trascurato in favore del secondo; sostanzialmente ha paura di perdere l’oggetto del suo amore, ovvero la mamma e il papà.

Noi adulti non sempre riusciamo a comprendere del tutto lo stato di profondo malessere che la gelosia comporta per i bambini; spesso tendiamo a sminuire e banalizzare con parole e atteggiamenti ciò che provano i nostri figli all’arrivo di un nuovo fratellino e anche negli anni a venire.

Si sa che la gelosia è un sentimento del tutto fisiologico e segno di una sana crescita del bimbo che, attraverso questa, impara a sopportare le frustrazioni, a  misurare le proprie forze, a ridefinire il proprio rapporto con i genitori ed  affermare i propri diritti: attenzione però, non va mai sottovalutata!

Ecco allora come poterla gestire al meglio:

1 - Non sminuire mai i sentimenti dei vostri bambini; se provano gelosia non incolpateli in alcun modo per ciò che sentono,  trasferendo loro  il messaggio che certe cose brutte non si devono pensare; lasciate liberi i piccoli di provare gelosia, rabbia, frustrazione e di esprimerli senza impedimenti; vedendo che accogliete con pazienza il loro sfogo disperato, i vostri figli si sentiranno amati e sostenuti, invece che giudicati.

2 - I bambini solitamente hanno difficoltà a verbalizzare ciò che provano; aiutateli voi a decodificare le loro emozioni, a rielaborarle, a ridimensionarle; parlate con loro, per aiutarli a convivere con ciò che sentono  e spiegate che i sentimenti che provano sono del tutto normali, senza che per questo debbano essere dei “cattivi bambini”.

3 - Non impazzite, per comprare giocattoli uguali, vestiti uguali e dare le stesse attenzioni a tutti i figli; ricordatevi che ogni bambino ha le sue peculiari esigenze, che vanno assecondate; se eviterete i favoritismi e i paragoni, i piccoli comprenderanno di essere amati anche se non possiedono lo stesso identico giocattolo!

4 - Valorizzate l’individualità di ogni figlio, fate in modo che ognuno abbia i suoi spazi, i suoi interessi, le sue amicizie; non li costringete a condividere le loro attività, se non sono loro i primi a richiedervelo; ovviamente ciò comporterà maggiori sforzi soprattutto organizzativi, da parte vostra, ma darà i suoi frutti in seguito.

5 - Quando i bambini manifestano  gelosia, non rimproverate né punite i loro comportamenti; lasciate che la loro sofferenza venga fuori, senza che i piccoli debbano temerne le conseguenze, anche perché la repressione della gelosia, operata attraverso giudizi, minacce, o punizioni, non farà che acuirla.

6 - Ricavate degli spazi esclusivi per ogni figlio, dei momenti da poter condividere insieme ai genitori, per far riscoprire al bambino che non ha perso affatto il suo oggetto d’amore. 

7 - Non intervenite nei litigi tra fratelli,  anche se gli scontri diventano animati; a meno che non vi sia rischio per l’incolumità dei piccoli,  accogliete le lamentele, ascoltate gli sfoghi, ma non schieratevi mai dalla parte di uno, piuttosto che dell’altro; incoraggiateli a trovare da soli un compromesso.

8 - Date loro un esempio quotidiano e costante del valore del lavoro di squadra, del vantaggio che dà la cooperazione in famiglia; favorite attività che prevedano la loro vicendevole collaborazione.

9 - Riservate ai primogeniti ruoli di responsabilità, mostrate loro  quanto sono importanti e “da grandi” i loro compiti;  fatevi magari aiutare nell’accudimento dei  più piccoli, lodandoli, oltre che sul momento, anche successivamente, davanti a parenti e amici; ciò li farà sentire amati e gratificati e li aiuterà a convivere meglio con la gelosia.

10 - Ultimo consiglio, ma forse più importante, non drammatizzate mai la rivalità fisiologica tra fratelli e mostratevi voi per primi sereni  ed equilibrati, per permettere ai bambini di gestirla al meglio, come una componente tipica della vita in famiglia.

 

Ilaria Sacchetti

Sito web: http://ilariasacchetti.jimdo.com/

Ritratto di Ilaria Sacchetti

Posted by Ilaria Sacchetti

Sono Ilaria, una mamma come tante; credo molto in quello, che possono fare i genitori per i propri figli e in generale in chi accudisce tutti i giorni i bimbi con amore e dedizione.
Nel mio piccolo, come mamma alle prime armi, cerco, tra esperimenti  a volte riusciti, letture di psicologia infantile e consigli chiesti ad esperti, di risolvere i piccoli e grandi problemi giornalieri. 
Tra le fasi più dure per me, come madre, c’è stata quella del famigerato “spannolinamento”; quando sono uscita dal tunnel, mi sono ritrovata  piena di appunti, presi dai libri e consigli utili, ricevuti dagli esperti nei momenti di panico e allora ho pensato:  “Perché non aiutare anche altre mamme o papà che non sanno che pesci prendere?”

weleda

La Newsletter di Mammeonline
mammeonlineLa community di Mammeonline

Cuciniamo: blog di ricette e racconti in cucina