Scheletro e articolazioni: come preservare la salute delle ossa nel nostro amico cane

Questione di ossa. Le ossa danno forma, consistenza e sostegno al corpo; i movimenti sono possibili grazie alla loro unione con i muscoli. Il punto in cui le ossa si congiungono viene chiamato articolazione. Esistono poi i legamenti, composti da fibre flessibili e resistenti, che tengono vicine le ossa.

Ma com'è fatto un osso? Procedendo dall’esterno verso l’interno è formato da: periostio, è una strato sottilissimo duro che ricopre l’osso ad eccezione delle cartilagini delle articolazioni; il tessuto osseo compatto, che è uno strato densissimo; il tessuto osseo spugnoso, occupa la zona centrale delle ossa corte e piatte e l’estremità delle ossa lunghe; il midollo rosso, riempie le cavità del tessuto spugnoso. Il suo compito è produrre globuli rossi e bianchi.

Lo scheletro del cane. La selezione realizzata dagli allevatori ha mutato le dimensioni e le proporzioni delle ossa dei cani, ma nel complesso lo scheletro è lo stesso sia nel Pincher che nell’Alano. Esso è composto da 228 a 232 ossa. Il cinto scapolare, mancando della clavicola, si collega allo sterno, al costato ed al petto mediante robusti muscoli che danno elasticamente connessione al braccio.

Le zampe anteriori del cane sono utilizzate specialmente per correre e solo secondariamente per scavare. Il primo dito, detto"sperone", non tocca mai il suolo e nelle zampe anteriori è costituito da due falangi, mentre in quelle posteriori oltre che ridotto ad una sola falange con unghia, può anche mancare. I cani possono raggiungere i 70 km orari.

Consigli utili.

Un cucciolo ha necessità alimentari diverse rispetto ad un animale adulto. Ha bisogno di più calorie, proteine, minerali e vitamine. E’ essenziale nutrirlo con diete bilanciate idonee alla taglia che avrà da adulto, soprattutto se sarà di taglia grande. Non deve assumere un eccesso di calcio e per evitare questo grave errore vale la pena alimentarlo con alimenti creati appositamente per lui già preconfezionati, forniti in giusta quantità (nei negozi specializzati ce n’è una vasta scelta; fatevi consigliare dal vostro veterinario).

In questo modo si permetterà una crescita armoniosa evitandogli problemi scheletrici anche seri che da adulto potranno essere difficili da curare. Altro consiglio è evitare che il cucciolo sia libero di mangiare a piacere poiché potrebbe sovralimentarsi con tutte le gravi conseguenze. Pesate il vostro piccolo 4 zampe almeno una volta al mese. I cani di piccola taglia concludono la crescita intorno agli 8 – 10 mesi, quelli giganti oltre i 20. Anche nei cani anziani una dieta adeguata può tenere sotto controllo l’usura delle cartilagini e i problemi articolari dovuti all’età. Se il vostro amico a 4 zampe dovesse appoggiare uno o più arti in maniera non corretta è consigliabile un controllo veterinario.

Malattie più frequenti dello scheletro e articolazioni e razze maggiormente predisposte.

 Il cane Barbone è predisposto alla malformazione ereditaria Osteogenesi Imperfetta. E’ una malattia che rende le ossa fragili dette di “vetro” e provoca deformazioni delle estremità con le relative conseguenze. Il Pastore Tedesco insieme al Bovaro Bernese, al San Bernardo e al Terranova è predisposto alla Displasia dell’anca (nella quale la testa del femore e acetabolo, che è una cavità articolare scavata sulla faccia esterna del bacino, non si sviluppano in modo normale per cui la testa del femore può scivolare anche in maniera permanente fuori dall’acetabolo che dovrebbe accoglierla), del gomito e del ginocchio. Alano, Labrador Retriever, Cane Corso, Labrador e Golden Retriever, Dogue de Bordeaux, Rottweiler, Pastore Tedesco sono colpiti ( la componente genetica è fondamentale) dalla Osteocondrosi ( disturbo di maturazione della cartilagine che può colpire sia quelle in accrescimento che quelle articolari) e dall’Osteocondrite Dissecante caratterizzata dal distacco di una porzione di cartilagine dall’osso a contatto con le articolazioni. Tipicamente colpisce la spalla, il gomito e le giunture del ginocchio. Provoca zoppia che si accentua con il movimento e migliora con il riposo.

 

Diego Manca, veterinario
Diego Manca, Medico veterinario. 

Già Autore dei libri: "Le fiabe per...giocare con il corpo imitando gli animali" edito da Franco Angeli nel 2008 di cui è coautore, "Il camaleonte Argonte" edito da Armando editore nel 2010, "Favolario: le favole del veterinario" Ed. Buk,  "Storie con la coda" edito da Castelvecchi, 2014, collana Ultra, La salute del cane in 4 e 4'otto e La salute del cane in 4 e 4'otto, editi da Gremese Editore, 2014, "Altro che animali!" edito da Castelvecchi Editore, 2015 e Benedetti Animali!  edito da Castelvecchi Editore, 2016

 

 

 

 

immagine di copertina dal sito theshovel.com.au

Ritratto di Diego Manca Veterinario

Posted by Diego Manca Veterinario

Mi chiamo Diego Manca e sono un medico veterinario; vivo e svolgo la mia professione, da quasi 30 anni, ad Omegna (VB), piccolo paese del Cusio in Piemonte. Sono direttore sanitario e socio fondatore dell’ambulatorio veterinario lago d’Orta nel quale lavoro. Oltre alla grande passione per questa professione un’altra mi è molto cara e cioè quella di scrittore. I miei libri hanno ottenuto sempre significativi apprezzamenti di critica e i protagonisti delle storie che racconto sono i nostri amici pelosi, le vere star di tanti episodi realmente accaduti durante lo svolgimento della mia professione. Ecco qui di seguito una breve sintesi dei libri che ho pubblicato: Le fiabe per...giocare con il corpo imitando gli animali" edito da Franco Angeli nel 2008 di cui è coautore, "Il camaleonte Argonte" edito da Armando editore nel 2010, "Favolario: le favole del veterinario" Ed. Buk,  "Storie con la coda" edito da Castelvecchi, 2014, collana Ultra, La salute del cane in 4 e 4'otto e La salute del cane in 4 e 4'otto, editi da Gremese Editore, 2014, "Altro che animali!" edito da Castelvecchi Editore, 2015 e Benedetti Animali!  edito da Castelvecchi Editore, 2016, Storie da leccarsi i baffi - Gatti raccontati dal veterinario, edito da Ultra, 2017, >Manuale (semiserio) sull'educazione del cane, edito da Rizzoli, 2017.

Congresso

weleda

greenMe

La Newsletter di Mammeonline
mammeonlineLa community di Mammeonline

Cuciniamo: blog di ricette e racconti in cucina