Pagina 1 di 3

Comportamento ed educazione

Inviato: 5 febbraio 2004, 15:54
da lilo
Ciao a tutte!
E' il momento di aggiornare un po' questo post.
Per chi capitasse in questa sezione per la prima volta, mi ripresento.
Mi chiamo Livia Conterno, sono etologa ed educatrice cinofila, e ho una scuola di educazione in provincia di Pordenone.
Sul sito www.educane.com trovate moltissime informazioni sulla mia struttura, sui miei corsi e sul mio percorso formativo.
Purtroppo il mondo dell'educazione cinofila è ancora permeato di false credenze e luoghi comuni, troppa gente usa ancora giornali arrotolati e sgridate.
La situazione è peggioarata dal fatto che in Italia le professioni legate all'istruzione cinofila non sono riconosciute, quindi chiunque può spacciarsi per educatore o comportamentista quindi spesso capita che gli istruttori diano consigli sbagliati (collari a strozzo, metodi coercitivi etc).

Avere un cane educato e gestibile è un obiettivo che si raggiunge attraverso un vero e proprio percorso educativo.
Il proprietario doverbbe acquisire tutti gli strumenti di lavoro: comunicazione corretta, conoscenza dell'etogramma del cane, significato degli esercizi di educazione (non mi stancherò mai di dire che il cane che si siede davanti al biscottino non è educato), del gioco etc

Questo angolo è dedicato alle vostre domande e ai vostri dubbi.
Specifico subito che ogni cane è diverso dall'altro e che non esistono soluzione estemporanee per risolvere i comportamenti sgraditi.
Saltare addosso, tirare al guinzaglio etc sono sintomi di altri problemi (errata comunicazione, ruolo del cane non definito, mancanza di attenzione e motivazione etc)
Nel limite del possibile cercherò di aiutarvi a risolvere i vostri problemi di educazione o convivenza.
:D

Re: Lilo: mi presento!

Inviato: 5 febbraio 2004, 16:48
da syd
Complimenti per la tua professione e auguroni per la tua prossima laurea: Cara collega sono felicissimo di lavorare con te in questo spazio.. e credo che approfittero della tua specifica competenza per chiederti ogni tanto qualche consiglio

Re: Lilo: mi presento!

Inviato: 5 febbraio 2004, 16:57
da Cristi
Ciao. Sono Cristina. Grazie per la tua disponibilità e grazie anche a Syd.

Io avrei una domanda ma leggo che ti occupi di cani e il mio quesito riguarda i gatti.
Allora.....io ho due micetti di poco più di 5 mesi, maschio e femmina.
Li tengo in casa perchè il maschio ha un occhietto solo e mi sono resa conto che non ha il senso dell'altezza (quelle poche volte che è scappato sul pianerottolo ha rischiato di cadere nella tromba della scala).
Così, per n on fare differenze, ma anche perchè sarei terrorizzata al pensiero di non vederli arrivare, ho deciso di non farli mai uscire.

La domada è questa: cosa ne pensi dei gatti al guinzaglio. E se sai qualcosa in merito, come fare per abituarli??

Grazie mille.

Re: Lilo: mi presento!

Inviato: 11 febbraio 2004, 19:48
da lilo
Cara Cristi,
secondo me i gatti possono vivere benissimo in appartamento soprattutto quando farli uscire può diventare pericoloso (strade vicine, gatti con cui litigare etc).
Capisco l'ansia quotidiana di non vederli più arrivare: io di gatti ne ho 4 e uno (rosso) ha il vizio di girovagare e ho sempre un po' di ansia.

Puoi abituare il micio al guinzaglio, però considera che non tutti i gatti lo accettano volentieri (alcune razze come il siamese lo tollerano meglio di altri).
E' sempre meglio utilizzare una pettorina, in modo che il micio non si possa divincolare dal collare ed un guinzaglietto abbastanza lungo.
Lascia che il micio, soprattutto all'inizio, prenda la direzione che preferisce (la maggior parte le prime volte si schiaccia e non si muove proprio).

Vai nei luoghi chiusi, con l'erba e dove non ci siano elementi di disturbo.
In ogni caso portare a spasso il gatto diventa un po' un impegno, dal momento che poi bisogna portarlo fuori con una certa regolarità :wink:

Inviato: 26 febbraio 2004, 18:22
da Mart
Beh, meglio tardi che mai!
oggi finalmente ho letto la tua presentazione, sinora ho solo divorato i post!!!
adoro i cani, e sei molto fortunata a potertene occupare anche a livello professionale. Invece per noi, purtroppo, la cinofilia rimane solamente il nostro unico hobby!

Congratulazioni!!!

e buon proseguimento a tutte!

Mart

Inviato: 11 marzo 2004, 12:32
da xxxxroby
cristi ciao....
anche io ho avuto il problema delguinzazio ... allora:
pettorina e sopratutto inizia subito quando sono cuccioli.. all'inizio gli metti solo la pettorina e li lasci scorrazzare per casa fino ac eh si rendono contoche non è un problema...
poi inizia a portarli separatamente al guinzaglio in casa, poi sul terrazzo o sul balcone, poi inizia a fargli fare piccole passeggiate inposti chiusi come ti hanno gia consigliato.. stai attenta loro quando sono in un posto nuovo sono in tensione e al minimo rumore o se q.cosa non gli torna iniziano a scappare e se ti strappano il guinzaglio è peggio eprchè si rigtrovano con qualcosa che gli corre dietro e fa rumore loro vanno in sclero .. e non li becchi piu ...

Poi io ho Gattone che va con il guinzaglio in terrazza tranquillamente .. metnre la femmina riesce a togliersi anche la pettorina e va nel panico l'ultima volta mi ha squartato un braccio ed una mano ...

Il micio deve essere tranuqillissimo e fidarsi di te ciecamente .. inoltre deve fermarsi quando tu gli dici di farlo altrimenti diventa pericoloso , pensa a osa succede sse incontri un cane......

roby

Inviato: 20 febbraio 2005, 12:17
da albablu
Ciao Lilo,
dunque io ho una domanda che rigaurda un pastore tedesco. Parto dall'inizio: ho un pastore tedesco da circa 10 anni. Circa 6 mesi ho deciso di "adottare" un altro cane da un canile: un pastore tedesco di 1 anno senza una zampina. Dopo i primi momenti difficilissimi (con 2 maschi adulti).... e con tanta pazienza, ora non solo convivono ma sono inseparabili. Sono anche molto gestibili e molto obbedienti.
Ho solo un enorme problema: l'ultimo arrivato dal canile abbaia per qualsiasi cosa ed è di un'aggressività esagerata con gli altri cani. Ho visto che questo era l'atteggiamento comune al canile dove viveva prima. Ma ora, vivendo in città, ed uscendo spesso al giunzaglio è un problema grosso. Ho provato con le buone, con le cattive..... niente. Appena vede un cane gli si scaglia contro. Io non riesco risolvedere la cosa. E vedo che l'unica cosa che lo calma è, quando i miei due cani escono assieme, se il cane più vecchio si arrabbia (quando quello giovane si mette a ringhiare ad un cane senza motivo a volte gli da man forte a volte invece gli ringhia contro. Da quel poco che ho capito io, il cane vecchio riconosce femmine e cuccioli e non vuole che il suo compagno li attacchi.... mentre quello giovane se la prende con tutti indistintamente)
Hai suggerimenti? E scusa il messaggio lunghissimo.
alba

Inviato: 20 febbraio 2005, 14:24
da enni
ciao volevo porti un quesito anche io: cane incrocio beagle grande pero , circa 2 chili con anche delc ane da caccia( segugio?) m circa un anno, accalappiato e messo in canile per 2 mesi . mio suocero lo ha portato a casa, oggi siamo unsciti e abbiamo provato a lasciarlo libero (solo 5 giorni che é con lui), lo tiene come punto di rifermento ma ha la tendenza di farsi i fattacci suoi, va nel bosco e sta via anche un venti minuti, poi torna.
io gli ho suggerito d fare un po di esercizi al guinzaglio tipo seduto,... e poi di tenerlo al guinzaglio quello estensibile e richiamarlo in modo che capisca un pochino il suo nome e l'ordine. secondo me é un cane che comunque resterà parecchio indipendente, avrà sempre la tendenza a seguire le piste( nel bosco dove andiamo ci sono in giro volpi e lepri) ma con un po di esercizi dovrebbe imparare comunque a tornare? giusto?

Inviato: 23 febbraio 2005, 18:35
da lilo
albablu ha scritto:Ciao Lilo,
dunque io ho una domanda che rigaurda un pastore tedesco. Parto dall'inizio: ho un pastore tedesco da circa 10 anni. Circa 6 mesi ho deciso di "adottare" un altro cane da un canile: un pastore tedesco di 1 anno senza una zampina. Dopo i primi momenti difficilissimi (con 2 maschi adulti).... e con tanta pazienza, ora non solo convivono ma sono inseparabili. Sono anche molto gestibili e molto obbedienti.
Ho solo un enorme problema: l'ultimo arrivato dal canile abbaia per qualsiasi cosa ed è di un'aggressività esagerata con gli altri cani. Ho visto che questo era l'atteggiamento comune al canile dove viveva prima. Ma ora, vivendo in città, ed uscendo spesso al giunzaglio è un problema grosso. Ho provato con le buone, con le cattive..... niente. Appena vede un cane gli si scaglia contro. Io non riesco risolvedere la cosa. E vedo che l'unica cosa che lo calma è, quando i miei due cani escono assieme, se il cane più vecchio si arrabbia (quando quello giovane si mette a ringhiare ad un cane senza motivo a volte gli da man forte a volte invece gli ringhia contro. Da quel poco che ho capito io, il cane vecchio riconosce femmine e cuccioli e non vuole che il suo compagno li attacchi.... mentre quello giovane se la prende con tutti indistintamente)
Hai suggerimenti? E scusa il messaggio lunghissimo.
alba
Cara Albablu, purtroppo l'aggressività intraspecifica è difficilissima da risolvere perchè entrano in gioco diversi fattori.
Innanzitutto il fattore etologico: due cani sconosciuti tendono a misurarsi e a stabilire una gerarchia, in modo pacifico (con il gioco), in modo incruento e ritualizzato oppure, ahimè, con la lotta.
Altri fattori sono legati alla predisposizione caratteriale (esistono cani più dominanti, aggressivi o semplicemente solitari) e la memoria di razza (le razze usate in passato per i combattimenti difficilmente sono pacifici con i propri simili dato che sono selezionati per combatterli nelle arene :? ).
Infine le esperienze individuali hanno il loro peso: facilmente i cani con l'esperienza del canile alle spalle sviluppano grande avversione nei confronti dei propri cospecifici.

Cosa fare?
In parte occorre accettare questa caratteristica perchè "provare" è troppo rischioso per gli altri cani e per il proprio (le conseguenze sono anche penali per i danni cagionati dal nostro quadrupede).
Inoltre, lasciando "esprimere" il nostro cane provando a vedere se riesce a sopportare i propri simili significa rischiare di rafforzare il comportamento competitivo del cane agressivo (se si azzuffa e vince sarà sempre più motivato alla lotta).

Il rischio poi è aumentato dal fatto che i cani sono due, "fanno branco" e possono essere davvero pericolosi :?


C'è la possibilità che il tuo cane migliori spontaneamente passato il "trauma" da canile.


Tuttavia devo specificare che se poco si può risolvere quando due cani liberi si incontrano (non è possibile imporre al cane di essere "simpatico" e "gradevole" con gli altri cani), tuttavia noi dobbiamo pretendere che il cane si comporti in modo irreprensibile quando è al guinzaglio.
Il cane non deve tirare, non deve abbaiare o, peggio, sbatterci per terra.

A questo scopo devi lavorare molto su leadership e obbedienza, magari con l'aiuto di un istruttore esperto del comportamento (quindi con una laurea in campo scientifico, non un improvvisato)

Inviato: 28 febbraio 2005, 12:23
da albablu
grazie 1000, Lilo per la tua risposta.

Credo che seguirò il tuo consiglio. I miei cani sono molto buoni al giunzaglio e obbedientissimi sempre anche a comandi specifici. Però è stato un fai da te che su quello preso cucciolo ha funzionato del tutto: nel senso che se quando è libero ed un altro cane gli abbaia, lui ovviamente fa per attaccarlo ma al mio "no" si blocca all'istante e torna a camminare vicino alla mia gamba. All'altro preso al canile all'età di un anno in 6 mesi sono riuscita ad "insegnare" quasi tutto ed ottenere grande obbedienza..... ad eccezione che nell'aggressività con gli altri cani. Mi sa che qualcosa sbaglio ed in parte gioca la sua storia passata di "lotta per il cibo" etc che purtroppo ho visto io stessa nella gabbia dove stava. Non a caso è pieno di cicatrici. Quando è arrivato avrebbe "ucciso" l'altro cane x la sua cioltola dell'acqua... Ora bevono spesso dalla stessa. Ma qualcosa deve essere rimasto.... seguirò il tuo consiglio e cercherò un esperto del comportamento in modo da farmi dare una mano.
grazie e buon lavoro
alba

Inviato: 14 aprile 2005, 15:43
da lavoltabuona
ciao lilo anche io ho una domanda da porti...siamo già "genitori" di ...un cagnolone strappato da cucciolo ad un canile... questo povero trottolo ne ha viste di tutti i colori da quelle persone che poi l'hanno abbandonato !
Io sono la sua mamma e questo lui lo sa benissimo...guai a chi me lo tocca eper lui guai a chi si avvicina alla sua mamma...se qualcuno osa toccarmi o anche solo stringermi la mano per salutarmi lui azzanna !!!
Ora....stiamo cercando di allargare la famiglia...come possiamo fare in modo che non sia geloso del bimbo ed essere sicuri che il bimbo non corra dei rischi vista la sua gelosia smisurata nei miei confronti ???

grazie per la cortese attenzione

Inviato: 14 aprile 2005, 16:41
da bianca267
Ragazzi che meraviglia! Non sapevo della vostra esistenza.


Cara Lavoltabuona mi permetto di rassicurarti con la nostra esperienza personale.

Scusa Lilo se mi permetto, non voglio invadere la tua professionalità.

Io e mio marito siamo "genitori" di Piuma, uno splendido cane incrocio (così ci hanno detto) tra un pastore del caucaso e un pastore tedesco, preso in un canile quando aveva 20 giorni. Oggi ha 6 anni e pesa circa 40 Kg.
Ha vissuto in simbiosi con noi; per i primi 3 mesi di vita viaggiava in macchina con me tutti i giorni, mi faceva compagnia al lavoro e la sera si tornava assieme a casa. E' sempre stato un cane di indole buona.
Due anni fa io e mio marito abbiamo adottato 3 bambini. Eravamo molto preoccupati per come avrebbe reagito Piuma. Prima era solo lui al centro dei nostri pensieri ed attenzioni....
Ti posso dire, con nostra grande sorpresa che Piuma si è letteralmente innamorato dei bambini e noi non possiamo permetterci neanche di alzare la voce con loro perchè altrimenti lui ci ringhia contro, cosa che non aveva mai fatto prima.
Non so se è così per tutti i cani, ma la nostra esperienza è senza meno positiva.

Scusate se mi sono presa tutto questo spazio
Bianca

Inviato: 14 aprile 2005, 17:02
da lavoltabuona
Bianca grazie della tua risposta...mi rincuori...speriamo sia così anche per Sansone...ma lui esterna la sua gelosia mordendo :? speriamo cambino le cose...certo che voi avete azzeccato il nome :wink: per il vostro cagnolone !!!

Inviato: 18 aprile 2005, 16:07
da albablu
bianca267 ha scritto:
Piuma si è letteralmente innamorato dei bambini e noi non possiamo permetterci neanche di alzare la voce con loro perchè altrimenti lui ci ringhia contro, cosa che non aveva mai fatto prima.
Non so se è così per tutti i cani, ma la nostra esperienza è senza meno positiva.
Bianca, che bello il tuo racconto :D
Anche a me sai ogni tanto viene il dubbio che i miei cagnoni non siano troppo felici di accettare dei bimbi.... mi hai rincuorato.
alba

Inviato: 4 novembre 2005, 19:04
da calzini
Ragazze scusate leggo solo ora.
La nostra carissima lilo si è trasferita e per adesso purtroppo nn ha il collegamento internet, speriamo torni presto ;)