le storie dei nostri angeli

Quando il sogno di gravidanza si infrange, quando scegliamo l'IVG e poi la nostra anima si lacera, quando il nostro bimbo torna in Cielo a giocare tra gli Angeli.

Moderatore: Lillafiore

Rispondi
Avatar utente
ASIA.CHRISTIAN
Mollista Nuovissima
Mollista Nuovissima
Messaggi: 30
Iscritto il: 26 settembre 2008, 11:21
Località: viareggio mamma di asia(10.01.2003)e christian(09.02.2007)sono la mia vita!

Messaggio da ASIA.CHRISTIAN » 18 novembre 2008, 13:21

tamara76 ha scritto:Cara kobo76 ti ringrazio moltissimo del pensiero che hai avuto, hai proprio ragione .... stavo proprio perdendo di vista quanto mi dici.... Mio marito mi è stato accanto in tutti i momenti peggiori della mia vita, ma ora forse ho avuto la presunzione che questo dolore toccasse molto più me che mio marito, in quanto lui non ne parla perchè pensa che così lo dimentica prima e quindi quando io prendo una qualsiasi discorso legato all'accaduto lui devia. Ma è il suo modo di farmi pensare ad altro. Grazie di cuore. Mi raccomando anche tu, segui il tuo stesso consiglio e pazienza, non può sempre piovere... Un abbraccio

ciao ho letto la tua storia e credimi se ti dico che ti sono molto vicina e so che cosa si prova.......purtroppo come già detto il dolore resta e non se ne va!ti mando un abbraccio fortissimo!



Avatar utente
barbaraFi66
Mollista Esperta
Mollista Esperta
Messaggi: 698
Iscritto il: 18 giugno 2008, 21:20
Località: Firenze
Contatta:

Messaggio da barbaraFi66 » 19 novembre 2008, 18:39

Anche io care mamme, ho letto le vostre storie e vi abbraccio tutte forte, forte.
Barbara

Avatar utente
fatastella
Mollista Junior
Mollista Junior
Messaggi: 271
Iscritto il: 31 agosto 2005, 17:01
Località: 3 figli e un angelo in cielo Camilla 15/06/2001

Messaggio da fatastella » 8 gennaio 2009, 22:36

Mi sono accorta di aspettare Camilla una settimana dopo la morte di mio padre.
Mi sembrò un segno di Dio che mi dava la forza con questa nuova vita di superare quel dolore così grande.
Infatti elaborai il dolore con la speranza e la gioia incontenibile che sgorgava dalla mia gravidanza.
Purtroppo dopo 5 settimane ebbi delle perdite e fui ricoverata per minaccia di aborto, un piccolo distacco di placenta la causa delle perdite, ma il cuoricino batteva forte e lei si aggrappava alla vita con tutte le sue forze.
Così me ne tornai a casa dopo aver superato quel brutto momento ed aver pregato con tutto il cuore che Dio mi lasciasse la mia creatura.
Tutto si risolse tanto che all'undicesima settimana feci la villocentesi (per l'età) aspettai con ansia l'esito e fortunatamente tutto a posto ed era una bambina. La mia gioia infinita , ora dovevo solo aspettare con pazienza lo scorrere del tempo .
A ventidue sett. la morfologica evidenziò che la bimba era sana e anche bella grande forse più grande di una sett.
Ogni mese la visita di controllo e l'eco, alla 33 settimana la gine mi disse che c'era un sottile rallentamento della crescita e mi dette degli integratori
e mi disse di fare una flussimetria dopo due sett. che feci alla 34 .
Non si notò nulla di anomalo .
La settimana dopo la tragedia : una sera sentii un movimento molto forte quasi un ribaltamento e poi più nulla, sentii per tutta la notte un piedino che spingeva ma non si muoveva .
Alla mattina alle sette mi recai all'ospedale, mi fecero un monitoraggio e il battito del cuoricino non c'era più, dopo poco l'eco confermò.
Non so dirvi cosa mi passò per la testa in quei momenti, volevo scappare non volevo crederci poi lentamente cominciai a rendermi conto . Mio marito continuava a dire: no non è possibile non è vero
Volevo il cesareo ma non vollero farmelo e mi misero la flebo per indurre il parto e dalle due del pomeriggio Camilla è nata alle undici di sera con dolori incredibili,molto più di un parto normale.
L'ostetrica mi chiese se volessimo battezzare la bambina anche se era morta e noi accettamo.
Poi me la portarono era bellissima ma ne io ne mio marito siamo riusciti a prenderla in braccio ed ora ci penso sempre .
Perchè non ce l'ho fatta, ero distrutta .
Camilla è morta a causa di un nodo vero nel cordone ombellicale e due giri intorno al collo .
Paradossalmente ciò che doveva darle la vita gliel'ha tolta.
Quante domande mi sono fatta , quanti sensi di colpa ho cercato,
quanto male mi sono fatta , quanti perchè , ancora oggi che sono passati quasi 5 anni.
Perchè propio a me?
Poi Camilla è cresciuta nella mia mente e nel mio cuore parlo con lei e credo che lei mi ascolti , la vedo in ogni bambina che ha circa la sua età
penso che in cielo giocherà con tutti gli altri angioletti come lei e mi consola pensare che un giorno la ritroverò.
Il tempo lenisce il dolore ma le ciccatrici restano indelebili .
io brillo della tua luce piccola stella

Avatar utente
barbaraFi66
Mollista Esperta
Mollista Esperta
Messaggi: 698
Iscritto il: 18 giugno 2008, 21:20
Località: Firenze
Contatta:

Messaggio da barbaraFi66 » 8 gennaio 2009, 23:22

Cara Fatastella un grande e fortissimo abbraccio. I nostri bambini crescono nel nostro cuore, restano con noi per sempre, ci accompagnano nel continuo della nostra vita, costantemente e teneramente.
Barbara

Avatar utente
kobo76
Mollista Junior
Mollista Junior
Messaggi: 308
Iscritto il: 26 maggio 2008, 17:28
Località: Mamma di Michelangelo, nato angelo il 24/4/2008, e di Floriano 13/1/2010

Messaggio da kobo76 » 11 gennaio 2009, 10:20

Fatastella, cara. Sento con te il dolore di ogni tua parola, e ti abbraccio nel ricordo della tua dolce Camilla, che sarà sempre con te, lo sai meglio di me.

Avatar utente
cristi68
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 1721
Iscritto il: 8 settembre 2008, 17:20
Località: Tra Terni e Perugia*Mamma di Azzurra 22/07/09 e di Alex 12/01/11

Messaggio da cristi68 » 11 gennaio 2009, 19:16

Sono Cristiana, ad aprile compiro' 41 anni. Mi sono sposata che avevo 24 anni e dopo alcuni anni ho espresso il desiderio di avere un figlio, mio marito inizialmente mi diceva che era troppo presto poi dopo varie insistenze mi ha detto che non desiderava diventare padre. Da li' e' iniziata la mia crisi e non avevo certo intenzione di cedere solo perche' lui non voleva cosi' l'ho lasciato e finalmente ho incontrato a 30 anni l'uomo della mia vita, il mio attuale marito che da subito mi ha espresso invece il suo desiderio di paternita'. Beh che dire ho passato gli ultimi 10 anni vagando per centri ginecologici, fatto mille visite, controlli esami ma niente, sempre tutto negativo finche' quest'estate sono rimasta finalmente incinta! Sembrava essere il regalo della vita per i miei 40 anni, ma arrivati alla 6 settimana le beta continuavano a crescere ma il gine non mi dava speranza, diceva che la camera gestazionale appariva schiacciata, il battito era regolare, l'impianto corretto ma sembrava che qualcosa non andasse bene, Mi fu detto di fare un controllo dopo 15/20 giorni, non dimentichero' mai quel giorno, quel monitor in cui avevo tutte le mie speranze, cessarono di colpo, il battito non c'era piu'. Il sogno era finito, ho versato lacrime su lacrime, ho visto per la prima volta mio marito piangere aveva il cuore spezzato. La nostra fantasia aveva camminato molto in quelle settimane, gia' ci vedevamo genitori ed invece e' andata male. Pensavo che non sarei riuscita a riprendermi, ma dopo 2 mesi quando il gine mi disse che volendo potevamo riprovarci, ho sperato che accadesse un miracolo perche' certo non potevo aspettare altri 10 anni e sono stata fortunata perche' sono rimasta subito incinta al primo tentativo questa volta, anche se adesso scrivo dall'ospedale perche' a causa di una caduta ho avuto un piccolo distacco della placenta. Ora sto' meglio e stavolta spero veramente di farcela.

Avatar utente
kobo76
Mollista Junior
Mollista Junior
Messaggi: 308
Iscritto il: 26 maggio 2008, 17:28
Località: Mamma di Michelangelo, nato angelo il 24/4/2008, e di Floriano 13/1/2010

Messaggio da kobo76 » 12 gennaio 2009, 17:22

Ciao Cristiana, che bello, sono contenta per te! Forza e coraggio, siamo con te

Avatar utente
fatastella
Mollista Junior
Mollista Junior
Messaggi: 271
Iscritto il: 31 agosto 2005, 17:01
Località: 3 figli e un angelo in cielo Camilla 15/06/2001

Messaggio da fatastella » 13 gennaio 2009, 20:52

Credici sempre, non mollare mai, tanti incrocini per te.
io brillo della tua luce piccola stella

tamara76
Mollista Nuovissima
Mollista Nuovissima
Messaggi: 12
Iscritto il: 25 ottobre 2008, 18:05

Messaggio da tamara76 » 20 gennaio 2009, 12:08

ciao a tutte, ciao cristina, spero che vada meglio, sono con te!! Forza. Sono stata assente da mol per un paio di mesi, troppo giù. La mia situazione non è cambiata, tra un po' sarà un anno che ho perso la mia piccolina e io non sono più rimasta incinta. Non so più cosa pensare, la mia endometriosi dicono che è a cuccia non si è ancora riformata (per fortuna) ho cambiato due gine in un mese, ora sto facendo una cura con il progeffik, il secondo gine dice che ho il ciclo troppo breve, così non riesco a portare avanti un'eventuale ovulo fecondato. Ho paura che mi si sono chiuse le tube, ho letto su internet che a seguito di un raschiamento può capitare, voi sapete qualcosa in merito? Mi sono data tempo tre cicli e poi vorrei chedere al gine se mi può fare la isterosonosalpingografia. Sto diventando pazza ! Magari se dovesse risultare negativa mi metto il cuore in pace che sono sana. Un abbraccio a tutte voi :***:

tamara76
Mollista Nuovissima
Mollista Nuovissima
Messaggi: 12
Iscritto il: 25 ottobre 2008, 18:05

Messaggio da tamara76 » 20 gennaio 2009, 12:08

ciao a tutte, ciao cristina, spero che vada meglio, sono con te!! Forza. Sono stata assente da mol per un paio di mesi, troppo giù. La mia situazione non è cambiata, tra un po' sarà un anno che ho perso la mia piccolina e io non sono più rimasta incinta. Non so più cosa pensare, la mia endometriosi dicono che è a cuccia non si è ancora riformata (per fortuna) ho cambiato due gine in un mese, ora sto facendo una cura con il progeffik, il secondo gine dice che ho il ciclo troppo breve, così non riesco a portare avanti un'eventuale ovulo fecondato. Ho paura che mi si sono chiuse le tube, ho letto su internet che a seguito di un raschiamento può capitare, voi sapete qualcosa in merito? Mi sono data tempo tre cicli e poi vorrei chedere al gine se mi può fare la isterosonosalpingografia. Sto diventando pazza ! Magari se dovesse risultare negativa mi metto il cuore in pace che sono sana. Un abbraccio a tutte voi :***:

Avatar utente
malella
Mollista Junior
Mollista Junior
Messaggi: 319
Iscritto il: 28 aprile 2008, 15:24
Località: mamma di Rita angioletto volato in cielo(21/07/09), Davide Alessandro e Gabriele
Contatta:

Storia di Malella

Messaggio da malella » 2 agosto 2009, 19:19

Esattamente un mese fa ho fatto il mio primo test di gravidanza…. era positivo.
Non potevo crederci dopo quasi tre anni di tentativi finalmente ero incinta, volevo gridarlo al mondo intero ma d’accordo con mio marito abbiamo deciso di aspettare la visita dal ginecologo prima di dirlo a tutti per assicurarci che tutto fosse a posto.
Purtroppo la visita non ha avuto l'esito che aspettavamo...
Il ginecologo durante l'ecografia non vedeva niente in utero e con una visita più approfondita ha scoperto la dura verità…
ero si incinta, ma il mio cucciolotto aveva scelto un posto sbagliato come casetta....era nella mia tuba.
In quel momento mi è crollato il mondo addosso...
Il ginecologo mi disse che forse avrei potuto evitare l’intervento con un’ iniezione e che non c’era tempo da perdere.
Dopo l’iniezione ho accarezzato la mia pancia di continuo sperando quelle carezze potessero arrivare alla mia piccola(perché sono convinta che fosse una bambina)volevo che le facessero capire che nonostante quello che le stavo facendo le volevo un bene dell’anima. Volevo che si addormentasse pian piano dolcemente cullata dalle mie coccole.
Dopo l’iniezione le beta continuavano a salire invece che scendere…la mia piccola non aveva alcuna intenzione di lasciarmi.
Ultima visita dal ginecologo lei era lì…cresceva e ho sentito il battito del suo cuoricino era a 8 settimane e misurava 12mm.
Il ginecologo allora mi ha fatto ricoverare d’urgenza perché dovevo fare l’intervento o rischiavo da un momento all’altro lo scoppio della tuba.
E’ stato terribile lei era lì voleva stare con me e io l’ho dovuta cacciare via.
Ho fatto l’intervento mi hanno tolto la tuba destra. Mi hanno detto che non devo preoccuparmi che potrò avere altri figli ma questo non mi è di consolazione nessuno mi potrà restituire il mio piccolo angioletto.
Due giorni dopo l’intervento è morto anche mio nonno…
Adesso spero solo si siano ritrovati in cielo e che stiano sempre insieme perché mio nonno era una persona speciale e spero che lassù si prenda cura di Rita così come in vita ha fatto con me.

JoSa
Mollista Nuovissima
Mollista Nuovissima
Messaggi: 7
Iscritto il: 8 aprile 2010, 9:24

Re: le storie dei nostri angeli

Messaggio da JoSa » 16 maggio 2010, 23:17

Ciao a tutte,qualche tempo fa ho raccontato la mia storia e ho letto molte delle vostre ma il mio pensiero non cambia,il mio orologio si è fermato...Nel frattempo ho cambiato lavoro,all'epoca lavoravo in ginecologia e vi lascio immagginare l'angoscia del mattino per affrontare l'ingresso in reparto. Ho bisogno di parlare con qualcuna di voi,aver trovato la causa non mi basta. Grazie di cuore,JoSa

Avatar utente
Lillafiore
Moderatrice forum bimbi
Moderatrice forum bimbi
Messaggi: 10631
Iscritto il: 23 dicembre 2002, 15:13
Località: Forse quella che chiamate "accettazione" è solo la disperazione sotto mentite spoglie

Re: le storie dei nostri angeli

Messaggio da Lillafiore » 16 giugno 2010, 20:39

JoSa non trovo la tua storia, vuoi raccontarcela?
benvenuta :abbr:
A modo mio, e pazienza se a qualcuno il mio modo d'essere non piace. Di piacere a tutti, sinceramente, non mi sono mai illuso. R. Baggio
ho la scrivania in centro - larous dixit
Immagine

JoSa
Mollista Nuovissima
Mollista Nuovissima
Messaggi: 7
Iscritto il: 8 aprile 2010, 9:24

Re: le storie dei nostri angeli

Messaggio da JoSa » 6 luglio 2010, 23:10

Ciao a tutte,finalmente ho deciso di riscrivere la mia storia con la speranza che quasta volta rimanga scritta. Ho 30,convivo da più di dieci e ho due magnifici bimbi di 3 e 5 anni.La mia gravidanza è stata una vera passeggiata che si è conclusa con un parto da manuale preceduto da un travaglio durato poco meno di quattro ore. Ho allattato fino a 14 mesi e appena ho potuto ho pensato subito che bissare un'esperienza meravigliosa come quella sarebbe stato l'ideale. Detto fatto,al primo tentativo subito incinta. Quasi quasi deliravo,neanche fossi onnipotente. E' stata un'esperienza completamente nuova,dalla 16 sett in poi sono rimasta a letto a causa di due distacchi di placenta e quando questi si sono risolti ho cominciato ad avere nausea e vimito che mi hanno accompagnato fino al parto. Poi tutto è ritornato come prima parlando con il mio compagno abbiamo pensato che ancora un bimbo l'avremmo accettato ben volentieri. Con calma ci siamo messi al lavoro e dopo qualche mese finalmente le rosse non arrivano. Decidiamo di fare il test ed è positivo... Lui è contento.io vengo assalita dal panico. Lavoro in un grande ospedale, nel reparto di ginecologia e tutte le donne gravide che passano in reparto è per qualcosa di patologico. Come dei flash mi compaiono mille immagini davanti gli occhi e penso subito al peggio... Cerco di stare tranquilla,non chiamo neppure la mia dr e aspetto che passi ancora qualche settimana,in fin dei conti due bimbi già sono arrivati. Decido di prenotare la translucenza e quando sento la mia dr le espongo tutti i miei dubbi che però cerca di tranquillizzarmi. I giorni passano lentamente, al lavoro non ho avvisato ancora nessuno ma sento di esser cambaita e, purtroppo, non in positivo. Una sera, a fine turno, percepisco qualche perdita e corro subito dalla mia dr che era di turno che mi visita, mi fa l'eco e prima ancora che io dica qualcosa mi fa vedere l'immagine sul monitor e sentire il battito. Non riesco a trattenere le lacrime, sono felicissima di aver visto la mia creatura che sta bene e si muove. Finalmente mi sento tranquilla e ritorno a casa più serena,so che dovrò stare a riposo ma sicuramente troveremo tutte le soluzioni adatte alla nostra famiglia. Quella notte non dormo,parlo con la mia creatura, mi accarezzo la pancia e spero...Mi sono sentita tanto egoista, dalla vita ho già avuto moltissimo: 2 bambini sani, un compagno che mi vuole bene e un lavoro che mi gratifica. La mattina seguente mando i bambini a scuola e poi vado a comunicare al lavoro che sarò assente,sono ufficialmente in maternità ma chiedo di non avvisare ancora i miei colleghi almeno per qualche settimana. Quella sera le perdite aumentano,compare anche un dolore fisso alla schiena. Decido di ritornare in H, questa volta mi accompagnano il mio compagno e i bimbi che sono ignari di tutto. Quando arriviamo e scendo dalla macchina ho un'emorraggia così abbondante che ho ilsegno sino alle ginocchia e il bambino più grande comincia a piangere. Cerco di rassicurarlo ma so benissimo che sto raccontando delle bugie. Vengo visitata immediatemente, decidono di trattenermi per vedere l'evoluzione ma nel momento in cui mi alzo ho una strana sensazione...guardo a terra e vedo la mia creatura. Non ci credo, i singhiozzi diventano più forti, non voglio pensare di esser stata una mamma così crudele da aver lasciato scivolar via tutto così. Altra visita e decidono di portarmi subito in sala e la dr di turno mi dice di non piangere così che 2 figli già li ho..Durante la preparazione per la sala è venuto il mio compagno a salutarmi, i bambini sono rimasti in sala d'attesa da soli, ignari di tutto. Finito l'intervento mi portano in camera, per fortuna sono da sola. La mattina seguente mi sento rintronata,penso ancora a quanto sono stata egoista e le ammagini si fassano nella mente. E' il 14 febbraio,dovrei essere a casa con la mia famiglia invece sono da sola e dalla parte opposta del corridoio ci sono le puerpere... Ora sono passati diversi mesi, la causa è stata trovata ma al momento ho deciso di non curarmi perchè ho paura a riprovarci. Ogni tanto mi immagino con il pancione e quando il mio bambino più grande mi chide una sorellina non so cosa rispondere. Ho anche cambiato reparto per cercare di ritrovare un po' di serenità, ma il percorso è ancora lungo, tortuoso e in salita. Grazie a tutte quelle che avranno la pazienza di leggere il mio sfogo. JoSa

Avatar utente
Mita
Mollista Senior
Mollista Senior
Messaggi: 7650
Iscritto il: 27 maggio 2002, 21:30
Località: Insieme ai miei figli!

Re: le storie dei nostri angeli

Messaggio da Mita » 11 luglio 2010, 23:27

Caa JoSa, della tua storia mi colpisce un particolare: che tu, più di una volta, ti definisci "egoista".
Ma perchè ti vedi così? dare la vita è la più grande prova di altruismo che una persona possa dare.
Tu hai solo cercato di dare la vita....e non è colpa tua se purtroppo è andata male.
Il percorso del lutto è differente per ognuna, è più o meno tortuoso, più o meno lungo....ma per uscirne, in ogni modo, bisogna sempre aver presente la luce in fondo al tunnel, bisogna sempre conservare in un angolino del cuore un barlume di SPERANZA.

Non uccidere la speranza: questo, sì, sarebbe egoismo....anche verso i tuoi figli, che da te imparano.
:abbr:
Non puoi pretendere che gli altri ti amino come vuoi tu.
Puoi solo amarli per come ti amano. (mikycap)

Rispondi

Torna a “Forum degli Angeli”