«Non ci sono cose che i bambini non possono fare in quanto maschi, non ci sono cose che le bambine non possono fare in quanto femmine». (Irene Biemmi, Fiera del Libro - Bologna). Raccontare in modo piacevole senza la volontà di “educare”, senza spiegare nulla, usare la forza delle storie e delle illustrazioni per rompere gli stereotipi di genere, è possibile.
 

“Sottosopra” della EDT Giralangolo comprende una serie di albi illustrati per bambine e bambini,  con titoli che propongono modelli e situazioni diverse, adatti a diverse fasce d’età,  3-5 e 6-8 anni.

Irene Biemmi è la curatrice della collana che si ispira all’esperienza editoriale di Adela Turin, che pubblicò albi che erano completamente dalla parte delle bambine, dando per assodato che gli stereotipi di genere fossero dannosi solo al femminile, ma se ne discosta, perché è sia dalle parte delle bambine sia dei bambini: gli stereotipi sono dannosi sia per i maschi che per le femmine.

L'abominevole orsetto delle nevi

L’abominevole orsetto delle nevi
di Susanna Rumiz
 
             - E tu chi sei?
             - Io… ecco… sono l’orso… quello  aboni… amobi… addominevole!
 
Una pecora blu, un coniglietto rosa, un porcospino  e un topo arancioni, un coniglio giallo e una puzzola verde, vanno in cerca di un mostro: l’abominevole uomo delle nevi! Che sorpresa quando nella tana della “bestia”, colorata ed accogliente, sentiranno un profumo delizioso e verrà fuori un orsetto che prepara una torta!
 
Come sfatare i pregiudizi e il “sentito dire” e accorgersi che la realtà, vista personalmente, può essere completamente diversa da quello che si racconta.
 
Il pianeta stravagante

 

Il pianeta stravagante
Illustrato da Gwen Keraval
 
Scritto da una classe seconda elementare per il concorso francese Lire Egaux, vinto nel 2012, è la storia degli abitanti del pianeta Giatifus che studiano… l’essere umano!
 
         - Come si fa a distinguere tra femmine e maschi?
         - I maschi hanno dei piccoli peli sulla testa, le femmine li hanno lunghi.
         - Le femmine hanno vestiti con una sola gamba, i maschi invece no.
         - Sì, è vero. I maschi portano vestiti con due gambe!
Risposte una più esilaranti dell’altra. Riusciranno a capire cosa distingue un maschio da una femmina? Lo svela l’ultima tavola del libro, che mostra un bambino e una bambina mentre fanno la doccia.
 
Un albo che gioca con tutti gli stereotipi relativi ai due sessi smontandoli uno per uno, con grande simpatia e leggerezza.
 
Il trattore della nonna

 

Il trattore della nonna
di Anselmo Roveda, Paolo Domeniconi
 

Rovesciamento dei ruoli con la nonna-sprint che non disdegna una passata di lucidalabbra, ma guida il trattore, coglie la frutta, cerca mirtilli e funghi nel bosco, e il nonno-casalingo che lava i piatti, fa la marmellata di prugne con il microonde (l’ha imparato da internet!), inforna la crostata e usa la lavatrice.

Chi l’ha detto che la donna e l’uomo devono essere “ingabbiati” nei loro ruoli “preconfezionati”?

La principessa e il drago

La principessa e il drago
di Robert Munsch, Michael Martchenko

C’era una volta una principessa di nome Elizabeth che doveva sposare un principe di nome Ronald. Improvvisamente il castello viene incenerito da un drago che rapisce il principe e lascia “ignuda” la nostra principessa, costretta a coprirsi con un sacchetto di carta. La sua forza e la sua tenacia la guideranno sulle orme del drago, e con grande astuzia lo metterà alle corde. E il principe? Vestito di tutto punto, redarguisce la sua salvatrice: troppo sporca, capelli arruffati e puzza di bruciato! E la principessa?

- Ronald i tuoi abiti sono molto eleganti e hai una magnifica pettinatura. Sembri proprio un vero principe, ma penso che in realtà tu sia solo un poveraccio.
E fu così che i due non si sposarono, dopo tutto.

Una fiaba al rovescio, con i ruoli dei protagonisti invertiti, anche in questo albo, come il precedente, un ribaltamento degli stereotipi del femminile.

Una bambola per Alberto

Una bambola per Alberto
di Charlotte Zolotow, Clothilde Delacroix
 
Assecondare i modelli precostituiti è faticoso e a volte molto triste. Alberto vuole una bambola, da abbracciare, cullare, dare il bacio della buonanotte. Tutti lo prendono in giro, il fratello, l’amico, ma il papà è addirittura preoccupato: gli regala giochi da “maschio”, prima un pallone e poi un trenino. Alberto ci gioca, ma continua a sognare la bambola con le ciglia all’insù.  Fortunatamente, arriva la nonna a fargli questo fantastico regalo e, alla preoccupazione del papà, risponde che “curare” una bambola può solo aiutare il bambino a diventare, a sua volta, un buon padre.
 
Un albo per i bambini che si rivolge agli adulti, per decostruire gli stereotipi di genere e il sessismo anche nei giocattoli.
 
Tito Lupotti
 
Tito Lupotti
di Marie-Odile Judes, Martine Bourre
 
Rovesciamento degli stereotipi del maschile anche con il piccolo Tito Lupotti che da grande vuole fare il fioraio! Il Signor Lupotti  va su tutte le furie perché lo vuole iniziare alla tradizione di famiglia: la caccia. Disperato il papà, pensa che ti ripensa, gli rovescia addosso un cocktail di profumi floreali mentre dorme, nella speranza che Tito possa essere nauseato dall’odore dei fiori. La mattina dopo, come sperava il papà, il lupacchiotto ha cambiato idea: non vuole più fare il fioraio, vuole fare il profumiere!
 
Con leggerezza, ironia e sottigliezza, Tito Lupotti ci spiega che i figli possono avere desideri, ambizioni e aspirazioni, diverse da quelle che si aspettano i genitori.
 
Tito Lupotti innaffia

Apprezzamento, approvazione e lodi, oltre che per i testi, anche per le illustrazioni, tutte molto colorate, accattivanti, gradevoli e sicuramente di grande incanto e malia per i bambini. In definitiva, un progetto editoriale ben pensato e ottimamente curato.

«Nostro obiettivo, rispetto all’immaginario di genere è di renderlo più complesso, rompere gli stereotipi, non incasellare donne e uomini in una gabbia culturale, non continuare a sostenere all’infinito che i ruoli dell’uomo e della donna siano complementari, ma rinforzare il principio dell’interscambiabilità: gli uomini e le donne possono fare tutto».  (Irene Biemmi, Fiera del Libro - Bologna)

La principessa e il drago - interno

Angela Articoni

Letteratura per l'infanzia

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ritratto di Angela Articoni

Posted by Angela Articoni

Angela Articoni è Dottoressa di Ricerca in Scienze Pedagogiche, studiosa, esperta e cultrice di Letteratura per l’infanzia. Le sue principali linee di ricerca indagano l’evoluzione della letteratura giovanile in ambito artistico, lʼanalisi delle fiabe con un approccio interdisciplinare e uno “sguardo di genere” e la scrittura “al femminileˮ per lʼinfanzia e la gioventù. Oltre a numerosi saggi in volumi e articoli in riviste scientifiche, ha pubblicato per Aracne Arte bambina (2017) e La sua barba non è poi così blu... (2014) ˗ vincitore di due premi letterari ˗ e tradotto anche in spagnolo per i tipi di Benilde (2015).

Fondatrice e curatrice della pagina e del gruppo Facebook Letteratura per l’infanzia, che contano a oggi migliaia di followers.

https://www.facebook.com/letteraturainfanzia

https://www.facebook.com/groups/letteraturainfanzia

La Newsletter di Mammeonline
mammeonlineLa community di Mammeonline

Cuciniamo: blog di ricette e racconti in cucina