La terza palpebra, chiamata anche membrana nittitante, è una struttura retrattile biancastra o trasparente, presente nei nostri amici a 4 zampe nel canto interno (nasale) tra l'occhio e le palpebre, nella parte inferiore e interna.
 
Normalmente non riusciamo a vederla anche se si potrebbe notarla quando il nostro beniamino dorme o è sedato per un intervento chirurgico. Questa membrana è presente anche negli uccelli, rettili, anfibi e pesci.
Nell'uomo non c'è o meglio, è solo abbozzata.
 
Come le palpebre normali, possiede una ghiandola lacrimale, nota anche come ghiandola di Harder, che serve a idratare l’occhio, contribuendo per il 30% alla formazione di lacrime; inoltre i suoi follicoli linfatici aiutano a combattere le malattie infettive.
 
La sua funzione, quindi, è quella di proteggere l'occhio, permettendo in ogni caso all'animale di vedere.
Compare quando l'occhio corre qualche rischio o soffre già per diverse patologie o è aggredito da agenti esterni e quando il pericolo scomparirà, tornerà al solito posto, nascosta sotto la palpebra inferiore, comportandosi come il tergicristallo di una macchina.
 
Un aspetto importante da tenere in considerazione è che deve ritornare nella sua fisiologica posizione in poco tempo, in caso contrario è necessario consultare il vostro veterinario di fiducia per comprenderne il motivo. 
 
Ci sono razze che possono averla con una leggera pigmentazione, cosa del tutto normale. Altra caratteristica è che non ha peli né pelle a coprirla, né muscoli, per cui spesso è difficile associarla a una palpebra.
Se invece è sempre visibile oppure non rientra entro alcune ore all’interno dell’occhio le cause potrebbero essere davvero molte, alcune delle quali serie.
 
Uno dei tanti motivi è l’infiammazione della ghiandola di Harder che gonfiandosi la solleva, oppure la presenza di un corpo estraneo; anche un’importante disidratazione la può far evidenziare, soprattutto se associata a disturbi intestinali con presenza di parassiti e/o dissenteria; pure una congiuntivite la può rendere visibile; ulcere corneali, glaucoma (aumento di pressione dell’occhio) e uveite (infiammazione dell’iride, coroide e corpo ciliare) sono altre possibili cause della sua estroflessione.

Ritratto di Diego Manca Veterinario

Posted by Diego Manca Veterinario

Mi chiamo Diego Manca e sono un medico veterinario; vivo e svolgo la mia professione, da quasi 30 anni, ad Omegna (VB), piccolo paese del Cusio in Piemonte. Sono direttore sanitario e socio fondatore dell’ambulatorio veterinario lago d’Orta nel quale lavoro. Oltre alla grande passione per questa professione un’altra mi è molto cara e cioè quella di scrittore. I miei libri hanno ottenuto sempre significativi apprezzamenti di critica e i protagonisti delle storie che racconto sono i nostri amici pelosi, le vere star di tanti episodi realmente accaduti durante lo svolgimento della mia professione. Ecco qui di seguito una breve sintesi dei libri che ho pubblicato: Le fiabe per...giocare con il corpo imitando gli animali" edito da Franco Angeli nel 2008 di cui è coautore, "Il camaleonte Argonte" edito da Armando editore nel 2010, "Favolario: le favole del veterinario" Ed. Buk,  "Storie con la coda" edito da Castelvecchi, 2014, collana Ultra, La salute del cane in 4 e 4'otto e La salute del cane in 4 e 4'otto, editi da Gremese Editore, 2014, "Altro che animali!" edito da Castelvecchi Editore, 2015 e Benedetti Animali!  edito da Castelvecchi Editore, 2016, Storie da leccarsi i baffi - Gatti raccontati dal veterinario, edito da Ultra, 2017, Manuale (semiserio) sull'educazione del cane, edito da Rizzoli, 2017, Trilli. Riflessioni di una gatta in degenza, 2020, edito da Ultra edizioni.

La Newsletter di Mammeonline
mammeonlineLa community di Mammeonline

Cuciniamo: blog di ricette e racconti in cucina