Come capire se la baby sitter è una Mary Poppins?

Come essere sicuri che la baby sitter selezionata per il proprio bambino è una brava baby sitter come la magica Mary Poppins?

Questa è la domanda che assilla molti genitori. Già il salto per scegliere una baby sitter non è semplice: prima bisogna accettare di affidare il piccolo ad una persona ‘estranea’, poi bisogna trovare la baby sitter e infine imparare a conoscersi a vicenda.

Certamente l’intuito di una mamma la indirizzerà verso la persona giusta, ma il dubbio di come capire se il bambino sarà in buone mani resta.

Ci sono gesti, abitudini, comportamenti e caratteristiche che possono offrire degli indizi. Dato che si consiglia sempre di fissare un periodo di prova con dei momenti di compresenza, è proprio un quell’occasione che i genitori potranno verificare alcuni aspetti.

Ad esempio: parla sempre con tono calmo e pacato, senza gridare? Anche quando il bambino ha perso la calma, lei la mantiene? 
Una brava tata sa entrare in empatia con il bimbo, sa comunicare in modo da gestire i momenti critici, i pianti del bambino, gli attimi di noia o di nervosismo. 
E anche evitare che queste situazioni si verifichino.

La Mary Poppins ideale sa capire i suoi sentimenti e mostrargli i propri per metterlo a suo agio; conosce inoltre i meccanismi della paura nei bambini.

Non bisogna dimenticare poi che certe volte i piccoli hanno bisogno di essere rassicurati nel senso di infondergli fiducia: la brava baby sitter si ricorda di esprimere di tanto in tanto al bambino il suo piacere di passare del tempo con lui.

Altro elemento: sa comunicare con te?
Questo è un aspetto importante, dato che saranno gli adulti a dover interagire con la tata per capire se ci sono delle cose da cambiare nella collaborazione, ma anche se il bambino manifesta dei disagi che dovrebbero essere affrontati insieme.

Poi certo c’è l’allegria, la dinamicità, la creatività, il saper essere dolce e allo stesso tempo farsi rispettare.

Ogni fascia d’età avrà certamente le sue esigenze.
Come nel caso di un bimbo appena nato: la baby sitter per neonati dovrà essere ancora più dolce, paziente, capace di comunicare tempestivamente con la famiglia, e normalmente si richiede una precedente esperienza.

Voi come avete fatto a scegliere la vostra baby sitter?

Ritratto di Redazione

Posted by Redazione

La Newsletter di Mammeonline
mammeonlineLa community di Mammeonline

Cuciniamo: blog di ricette e racconti in cucina