Di gatti e di gemelli

Questa è la storia di come due gatti sono entrati a far parte di una famiglia con gemelli. Di come una mamma di gemelli si sia fatta intenerire da quei due gattini in cerca di casa.
Uno rosso e uno tricolore, fratello e sorella (ci dissero).  - Oh, proprio come i miei cuccioli! - pensò la mamma che non ebbe cuore di portarne a casa uno solo.

I gemelli, quelli veri, non erano ancora nella fase "richiesta pressante di uno o più animali domestici", quella arrivò più tardi, concentrata su cani e pesci, ma tant'è. Chi ha sempre avuto dei pelosetti in casa, è facile alla tentazione.

E fu così che la famiglia con gemelli fu dotata di due trasportini, due ciotole per acqua e cibo, due cassette per la sabbietta (per cambiarle periodicamente, perché, va da sé, due gatti fanno il doppio di cacca e il doppio di pipì). Fu così che il garage, dove prima c'erano bancali di pannolini, si riempì di confezioni di cibo  per gatti, comprate in quantità in occasione di offerte e promozioni e di pacchi e pacchi di sabbietta salva odore.

Poi, il veterinario  certificò che erano due gatte. E la sterilizzazione costò di più. Poi le "spaventatissime" presero possesso della casa. E fu un trionfo di peli, un lato del divano e una sedia Pc disfatte con le unghie (nonostante i due tira-graffi pieni di ninnoli ed erba gatta in giro per la casa).

E ogni volta che su qualche tavolino rimane un bicchiere di plastica con un po' d'acqua, lasciato dai bambini, finisce per terra. In più di un caso è toccato anche ai bicchieri di vetro.  Non mancano le incursioni notturne nel lettone e i morsichini all'alba per ottenere la pappa. C'è anche una buona dose di coccole.

Fu chiaro fin da subito che tra i bambini e i gatti (uno dei quali, associato al gemello maschio, è rimasto gatto e guai a dire che è una femmina) c'era e c'è un'alleanza. La mamma si sciolse quella volta che vide in ogni lettino un gattino accoccolato ai piedi dei suoi cuccioli. heart

Ps. Ci sono stati anche casi in cui la "gemellanza" è stata utile. Quando il gatto, maschio, si è ammalato di cistite e bisognava scagliargli una pastiglia in gola, la mamma chiedeva sempre l'aiuto al gemello maschio per acchiappare il/la fuggitiva. Il bimbo era l'unico a non essere graffiato.  

La morale della storia è che con un animale domestico in casa, la famiglia cresce meglio.
Con due, è tutta un'altra storia!

Ritratto di Erica Asselle

Posted by Erica Asselle

Giornalista e mamma di due gemelli, maschio e femmina, nati a febbraio del 2013. Vivo e racconto gioie e dolori di essere diventata all'improvviso una supermamma, senza superpoteri

weleda

La Newsletter di Mammeonline
mammeonlineLa community di Mammeonline

Cuciniamo: blog di ricette e racconti in cucina